“Mi prendo le mie responsabilità per aver ruotato poco la panchina”



0
sidigas avellino, sacripanti
Coach Stefano Pino Sacripanti

Sacripanti commenta il match perso contro Cremona “Mi prendo le mie responsabilità”

Coach Pino Sacripanti non può essere soddisfatto in sala stampa nel post partita che ha visto la Sidigas piegarsi sotto i canestri di Diener e Johnson Odom. I biancoverdi hanno iniziato il match con veemenza dominando grazie ad uno strepitoso Fesenko ma la fine del primo quarto e l’inizio del secondo hanno segnato la lenta ed inesorabile rimonta della Vanoli.

Coach Sacripanti fa mea culpa assumendosi parte delle responsabilità per la sconfitta e la conseguente eliminazione dalle FinalEight:

Dispiace essere usciti così, alla prima partita, per tutto il lavoro fatto e per la volontà che abbiamo messo, ma anche per i nostri tifosi che avevano grandi aspettative. Sono stati più bravi loro. Dopo un nostro buon inizio, frutto di un buon lavoro contro il loro pick and roll, abbiamo avuto due cali durante la gara. Il primo quando, nella prima rotazione della panchina, abbiamo preso un parziale di 18-0; poi nel terzo quarto quando abbiamo smesso la circolazione di palla contro la difesa 3-2. Al supplementare pensavamo e speravamo di farcela ma purtroppo negli ultimi due minuti non siamo stati capaci di chiudere la partita. Abbiamo sbagliato tanto in attacco, troppi tiri liberi, ed io stesso ho preso un tecnico: probabilmente c’è stato un po’ di nervosismo di troppo. A livello difensivo, invece, siamo inceppati in almeno due occasioni nel corso del match.

Abbiamo subito tanto in difesa e la rotazione della panchina non ci ha dato il giusto apporto. Con i primi 5 siamo riusciti a trovare buone soluzioni, dopodiché abbiamo anche accusato il fattore stanchezza. Mi prendo le mie responsabilità per aver ruotato poco la panchina. Avremmo dovuto essere più bravi a gestire le grandi aspettative che c’erano su di noi, ma non si deve sminuire il grande valore di Cremona, che ha disputato un match di alto livello”.

Leggi anche