Mirabella Eclano, ladri in fuga. Recuperata auto rubata



0
Mirabella Eclano

I Carabinieri di Mirabella Eclano hanno intercettato un’auto con a bordo i ladri responsabili di un tentato furto presso un’abitazione della zona. I militari sono riusciti a recuperare l’auto, risultata rubata, e alcuni attrezzi da scasso, ma i malviventi hanno fatto perdere le proprie tracce

I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano, su disposizione del Comando Provinciale di Avellino, nell’ultimo periodo hanno intensificato i controlli finalizzati a contrastare i reati in genere, in particolare a fronteggiare il fenomeno dei furti in abitazione.

E anche questa volta è andata male ai ladri che, pronti a perpetrare qualche furto in abitazione, sono stati disturbati dalla presenza dei proprietari e si sono dati alla fuga.

Mirabella EclanoÈ accaduto a Mirabella Eclano nella scorsa notte. Fondamentale l’immediata comunicazione pervenuta alla Centrale Operativa della Compagnia eclanese: ricevuta la notizia, si è data quindi attuazione ad un articolato e consolidato dispositivo per intercettare la BMW bianca con a bordo i malviventi.

L’approfondita conoscenza del territorio ha permesso ai militari dell’Aliquota Radiomobile di intercettare l’auto segnalata. Alla vista della Gazzella il conducente ha invertito repentinamente il senso di marcia. Ne è scaturito un breve inseguimento: il maldestro tentativo di fuga è andato ad infrangersi contro il tranello teso loro dai Carabinieri: questi infatti, ipotizzando già tale possibile epilogo, in sinergia con un altro equipaggio, hanno bloccato la via all’auto dei fuggitivi. Tuttavia i malviventi sono riusciti a far perdere le tracce nelle campagne circostanti, favoriti dalla fitta vegetazione e dall’oscurità.

Gli immediati accertamenti hanno consentito di appurare che quella BMW X1 era stata asportata qualche giorno prima in provincia di Caserta.

Sul posto è intervenuto, altresì, personale del Nucleo Operativo per i rilievi del caso e successivamente l’autovettura è stata consegnata al legittimo proprietario. Gli attrezzi da scasso rinvenuti all’interno sono stati sottoposti a sequestro.

Sono in corso indagini, svolte anche mediante acquisizione di immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza, tese all’identificazione dei componenti della banda. I malviventi potrebbero avere le ore contate.

Leggi anche