Mokulu il gigante buono di Tesser



0

Domani alle ore 11:40 Attilio Tesser incontrerà la stampa, in vista del Match serale di venerdì tra Pescara-Avellino. Non ci sono dubbi, si punterà sulla riconferma di Benjamin Mokulu

Domani in conferenza stampa il tecnico svelerà la possibile formazione anti Pescara. Infatti l’allenatore biancoverde incontrerà la stampa, per rilasciare la possibile formazione o annunciando la classica pretattica. In questo momento, come tutti sanno, il calciatore che attualmente sta facendo bene è l’attaccante di origini Congolese ma con doppio passaporto Belga, Benjamin Mokulu, rispolverato in Avellino-Modena lo scorso settembre, il gigante buono che mise a segno la prima marcatura  ufficiale del campionato in corso  con la prestigiosa maglia dell’Avellino.

Merito di Tesser che Mokulu ha ripreso a pieno regime la sua condizione atletica. Attualmente l’attaccante con 12 presenze ha realizzato 5 gol all’attivo con 577 minuti giocati. In questo momento è proprio il calciatore sui cui l’allenatore irpino può contare, insieme a Marcello Trotta.

Mokulu il gigante buono di Tesser
Gol di Mokulu contro l’Ascoli

Intanto sui social tra i tifosi inizia la gara al soprannome più bello che si possa associare a Benjamin. Chi lo chiama “beniamino”, chi “colosso”, chi “animale”, chi in avellinese “cerza” ( che sta ad indicare una persona alta e robusta) insomma la fantasia dei tifosi di fede biancoverde non manca.  Noi della redazione di Avellino.Zon abbiamo deciso di chiamarlo “Il gigante buono”, per vari semplici motivi. Nel campionato cadetto precedente, Benjamin arrivò a gennaio dove disputò 10 partite, senza mai segnare con la maglia Irpina e senza mai lamentarsi. Quest’anno è stato rispolverato da Tesser, dove per assenza forzata di Castaldo gli ha concesso la massima fiducia per guidare il reparto offensivo.

La maggior parte dei tifosi in estate non ci credevano, ma ora il gigante buono è diventato un idolo della tifoseria, conquistando sempre di più questa piazza calda e ambiziosa.

Leggi anche



Articolo precedenteRapina al tabaccaio di Quadrelle, arrestati i colpevoli
Prossimo articoloAbusivismo commerciale: denunciati due ambulanti
Roberto Valente
Nasce a Benevento il 20/12/1991. Vive a Cervinara (AV) nel regno della Valle Caudina, dove nel 321 aC gli uomini dell'esercito romano, sconfittI nella gola di Caudio, subirono la mortificazione di dover passare disarmati sotto il giogo delle lance davanti ai vincitori. Studia Scienze Politiche presso l'Università Federico II di Napoli. È stato segretario e socio/fondatore dell' Avellino Club Roma. Attivo come blogger e concentrato sempre sul pezzo con opinioni e critiche costruttive. Ha lavorato nel mondo del calcio come dirigente della primavera dell'Us Avellino 1912. Esperienza nel giornalismo sportivo "in progress" come redattore per Avellinio.Zon.it. Per lui lo sport è uno specchio su cui si riflette la storia di un popolo. Nel tempo libero segue la politica, pratica la palestra e gioca a calcio con amici dove è convinto di essere il Pirlo della situazione, ma in realtà è un Carrozzieri qualunque. Affronta questo impegno con costanza, onore e umiltà con la speranza di aspirare alla comunicazione del giornalismo in modo positivo. In parole povere, UMILE E SOGNATORE!