Officina Lab: Un nuovo momento culturale ad Atripalda



0
avellino - roccabascerana

Ad Atripalda sabato 26 Ottobre inaugura “Officina Lab”, luogo di incontro per compiere esperienze artistiche a 360 gradi, per grandi e piccini

Atripalda – Ormai la nostra vita è scandita dall’ uso di smartphone, tablet, orologi di ultima generazione che ci ricordano quando bere o mangiare, quante ore dormire… E questo accade già dai primi anni di adolescenza ed in alcuni casi perfino prima. La rete ed i social network sono diventati indispensabili, se non sei su Internet allora non esisti.

Qualcuno si ricorda che odore ha la carta della pagina di un libro usato? E sedersi al bar, senza far sapere al mondo “social” , il caffè che stai sorseggiando? Guardare un film proiettato sulla parete  bianca e commentare con amici? Ad Atripalda, una piccola cittadina in provincia di Avellino, un’ audace bibliotecaria da 20 anni, ha deciso di far assaporare nuovamente queste emozioni. Come? Tramite la creazione di “Officina Lab”.

officina lab

Chi ha dato vita a questo progetto?

Proprio come nei vecchi salotti caffè, chiacchiero con Daniela Sanseverino, ideatrice e presidente di Officina Lab e bibliotecaria a tempo pieno da più di 20 anni. “L’idea di far nascere un’associazione che possa promuovere la lettura, l’arte, la creatività attraverso laboratori, incontri, dibattiti, rassegne cinematografiche, nasce dal desiderio di avere uno spazio in cui far crescere il confronto e conseguentemente la cultura”: Così inizia a raccontarmi la storia di Officina Lab, Daniela Sanseverino.

Piccola ma grande attenzione è rivolta ai bambini, infatti Daniela continua dicendomi:  “Io con altre mie colleghe abbiamo l’obbiettivo di far conoscere il libro al bambino, fin da subito, per far sì che ne capisca il valore e l’importanza”.atripalda

E per gli adulti? “Con Leonardo Festa (Docente di Filosofia) stiamo organizzando una serie di “Caffè letterali” – ed inoltre continua a spiegarmi Daniela Sanseverino- “Si terrà un incontro con un poliziotto della polizia postale per rendere note le insidie del web verso genitori ma anche adolescenti”.

Dunque, nello stesso momento  in cui si può intraprendere lo studio universitario dedicato all’ apprendimento dell’ “influencer” perfetto /a, ad Atripalda si inaugura , invece, un luogo dedicato alla cultura, oserei dire, vera.

 

Leggi anche