‘A pastiera ‘e grano, la “regina” di Pasqua



0
pastiera

Il giorno di Pasqua, sulle tavole degli Avellinesi, non può mancare il tradizionale dolce dal profumo inconfondibile, la “regina” della festa: ‘a pastiera ‘e grano. Per la Rubrica Cook.zon, la mitica storia del dolce pasquale e la ricetta in dialetto irpino

Ad Avellino, passeggiando per le vie del centro o del Corso, si può facilmente sentire, la Domenica di Pasqua, una irresistibile fragranza, un dolce profumo di fiori d’arancio: si tratta della pastiera di grano (in dialetto, ‘a pizza co’ grano), il tradizionale dolce pasquale della cucina campana.

La pastiera rappresenta da sempre per gli Avellinesi la “regina” indiscussa della festa di Pasqua: non può mai mancare sulla tavola della Domenica quella morbida e soffice pasta frolla, ripiena di grano cotto e ricotta, leccornia prelibata e gustosa, amata sia dai grandi che dai più piccoli. Dopo un ricco e luculliano pranzo a base di lasagne al sugo e agnello alla brace, ‘a pizza co’ grano diventa un appuntamento fisso a cui nessuno può e vuole mancare.

pastiera
La cerimonia religiosa romana detta “confarreatio”

La storia di questo dolce prelibato ha origini molto antiche, che risalgono addirittura all’epoca dei Romani: da sempre considerata il simbolo della primavera, un’antica “antenata” della pastiera, per celebrare il ritorno della bella stagione, veniva portata in processione dalle sacerdotesse di Cerere, la dea delle messi e dell’agricoltura per gli antichi Romani, insieme ad un uovo che simboleggiava la “rinascita”; in un’altra tipica cerimonia rituale romana detta confarreatio, che corrispondeva più o meno al nostro matrimonio, il grano e la ricotta potevano derivare dal pane di farro utilizzato nel rito religioso. Un’altra versione fa risalire la pastiera all’epoca dell’imperatore Costantino I, quando ormai il Cristianesimo era la religione dello Stato: in questo contesto, la pastiera deriverebbe dalle focacce rituali che i catecumeni ricevevano nella sacra notte di Pasqua al termine della cerimonia battesimale. Una versione più “moderna” vuole la nascita del dolce pasquale per mano di una suora, che mescolando la ricotta con il grano, le uova e l’acqua dei fiori d’arancio ottenne un impasto morbido e profumato come il giardino del suo convento: quel dolce diventò il simbolo della Resurrezione di Cristo, della rinascita della vita.

RICETTA DELLA PASTIERA (in dialetto irpino)

pastiera
‘A pizza co’ grano

Ingredienti (per l’impasto di 3/4 pastiere)

Per la pasta frolla:

N’o chilo ‘e farina “00”

350 gr. ‘e zucchero

400 gr. ‘e strutto

N’uovo

200 gr. ‘e acqua

N’a bustina ‘e vanillina

Per il ripieno:

N’o chilo ‘e ricotta

N’o chilo ‘e zucchero

N’o chilo ‘e grano cuotto

10 ove

N’a bustina ‘e vanillina

Aroma ‘e ciuri ‘i purtuallo

Procedimento

Faciti primm’a pasta frolla: mescolati prima ‘o strutto co’ zucchero, l’acqua e l’ove. Aropp’, mettiti ‘a vanillina e sulo a fine ‘a farina. N’a vota fatta ‘a pasta, faciti ‘o ripieno: mescolati rind’a na tiana ‘a ricotta co’ zucchero, aroppo mettiti ‘o grano cuotto e miscati buono. Rind’a l’impasto mettiti poi l’ove, però 6 sulo ‘o russo e 4 intere e sbattiti forte co’ na cucchiara. Se l’impasto vene gnommoso, mettiti no poco ‘i latte. ‘A fine mettiti l’aroma ‘i purtuallo e ‘a vanillina.

Mettiti ‘a pasta frolla rind’a no ruoto, spannitila e poi mettitici ‘o ripieno: ‘nfornati ‘a pizza a 180° pe’ n’ora e n’quarto. Quanno ‘a pastiera è cotta, mettitila rind’a no ruoto ‘i fierro stagnato pe’ non a fa’ spappulià.

Buon Appetito!

CURIOSITA’

pastiera
Maria Cristina di Savoia, “la Regina che non sorride mai”

Una leggenda napoletana racconta che la regina Maria Cristina di Savoia, figlia della regina Maria Teresa d’Austria e moglie del re Ferdinando II di Borbone, soprannominata “la regina che non sorride mai”, quando assaggiò per la prima volta, su insistenza del marito, la pastiera, non poté far a meno di sorridere, perchè compiaciuta dallo squisito sapore della specialità campana.

Leggi anche