Paternopoli, richiami per uccelli a 300€ denunciati per truffa



0
paternopoli

La coppia di truffatori aveva tentato di incastrare un 64enne di San Mango sul Calore vendendo un richiamo acustico per uccelli a 300 euro, sono stati poi denunciati ai Carabinieri di Paternopoli 

L’attività dell’Arma finalizzata alla prevenzione e repressione dell’odioso fenomeno delle truffe, continua in maniera incessante. Grazie anche all’azione di contrasto intrapresa dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino con l’iniziativa  “DIFENDITI DALLE TRUFFE”, i Carabinieri della Stazione di Paternopoli hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria unapaternopoli coppia della provincia di Caserta.

A cadere nella trappola dei due giovani, un 64enne di San Mango sul Calore che, in cerca di buoni affari, veniva attratto dal prezzo oltremodo conveniente di un sofisticato richiamo acustico per uccelli, introvabile in zona. Il pensionato, dopo aver visitato un noto sito di annunci su internet, trovato l’oggetto desiderato, decideva di contattare il venditore, prima via mail e poi anche telefonicamente, per avere maggiori chiarimenti e ridurre al minimo il suo dubbio che potesse trattarsi di una truffa. Gli venivano così fornite dettagliate spiegazioni nonché altre fotografie che conquistavano la fiducia dell’acquirente che non esitava quindi a versare quale acconto, la somma di 300 euro, con ricarica su carta prepagata. Ricevuto i compensi pattuiti, i fittizi venditori omettevano la consegna dei prodotti acquistati e si rendevano irreperibili.

La vittima, ricordando anche quanto letto sulla locandina realizzata dall’Arma e vista affissa in paese, non esitava quindi a sporgere denuncia presso la Caserma dei Carabinieri di Paternopoli. Gli investigatori, a seguito di mirate indagini, accertando intestatari e reali utilizzatori di carta prepagata, cellulare e mailbox, riuscivano ad identificare e denunciare in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo le due persone, ritenute responsabili del reato di truffa on-line.

Leggi anche