Pescara – Avellino, probabili formazioni



0
Avellino, Vicenza, punti, livorno, salvezza, crotone, salernitana

Nella difficile trasferta di Pescara, Attilio Tesser recupera Biraschi e Gavazzi, da valutare l’impiego del centrocampista belga Bastien

CASA LUPI
Avellino (4-3-1-2): Frattali; Nica, Biraschi, Chiosa, Visconti; Jidayi, D’Angelo, Gavazzi; Bastien; Mokulu, Trotta. All.: Tesser

Con Ligi e Rea in infermeria e Biraschi non al meglio, Attilio Tesser dovrà reinventare il reparto difensivo dei biancoverdi in vista dell’ostica trasferta a Pescara di questa sera alle 20.30.

Frattali tra i pali si troverà stasera a fronteggiare una delle coppie d’attacco più pericolose della serie B. Possibile che Tesser possa rischiare la coppia Biraschi-Chiosa, nonostante la preoccupazione per Biraschi in settimana, con Visconti e Nica sugli esterni.

Bocciato quindi, almeno in partenza, il 3-5-2, che potrebbe essere schierato nel corso del match, diventando praticamente un 5-3-2 di copertura, nel caso i lupi dovessero difendere un eventuale vantaggio.

Gavazzi, ormai riassorbita la botta di domenica contro il Latina, dovrebbe scendere in campo al fianco di Jidayi e D’Angelo (in ballottaggio con Arini), per far da schermo alle insidie portate da Lapadula e Caprari.

Mokulu, Avellino, Latina
Mokulu e Trotta festeggiano il 3-1

Bastien, il quale ha avvertito un dolore alla caviglia nella rifinitura di giovedì, dovrebbe agire dietro le punte; in caso di forfait, spazio a Roberto Insigne.

Chi è certo della maglia di titolare è Benjamin Mokulu, il gigante buono in gran forma nelle ultime apparizioni, sarà affiancato dal solito Trotta, ormai già a sei marcature nel campionato cadetto; candidato per contendere lo scettro di miglior marcatore proprio a Lapadula, punta di diamante dell’attacco pescarese.

 

CASA PESCARA 

Pescara (4-3-1-2): Fiorillo; Zampano, Zuparic, Fornasier, Crescenzi; Memushaj, Mandragora, Verre; Benali; Caprari, Lapadula. All.: Oddo

L’allenatore campione del mondo 2006 dovrà far a meno del pilastro della difesa del Pescara, l’ex-Inter Hugo Campagnaro, a causa di un fastidioso infortunio al polpaccio.

Gli abruzzesi, però, potranno schierare in campo il capocannoniere Lapadula, in grandissima forma e già a quota otto gol, il quale vorrà tentare la fuga distaccandosi da Trotta e Mokulu, lontani dall’attaccante del Pescara rispettivamente per due e tre marcature.

La coppia d’attacco si completa con Caprari, quota quattro gol, che dovrebbe recuperare dal dolore alla schiena che ha impensierito Oddo durante la settimana.

Tra i gioiellini del Pescara da tenere d’occhio ci sono anche i due centrocampisti Verre, cresciuto nel vivaio della Roma come Caprari, e Mandragora, (non Mandragola, niente a che vedere né con Machiavelli né con Harry Potter), centrocampista classe ’97, originario di Scampia; sulle tracce dell’appena diciottenne si sono già mosse molte big di Serie A.

Leggi anche