Rifiuti viaggiatori: attraverso l’Irpinia fino in Bulgaria



0
Fonte: corriere del Mezzogiorno

In arrivo 7200 tonnellate di rifiuti provenienti da Giugliano: saranno trattati a Serino e rispediti a Napoli alla volta della Bulgaria

Il problema dei rifiuti costituisce una delle piaghe più dolorose della nostra società.

In arrivo nella nostra provincia tonnellate di rifiuti provenienti dal comune di Giugliano di Campagna (NA) che dovranno affrontare un lungo viaggio, fatto di tappe e trattamenti.

I rifiuti collocati in località Masseria del Re, in Giuliano, dovranno arrivare dapprima in Irpinia per poi raggiungere l’ambita meta in Bulgaria a bordo di una nave.

14 milioni di euro assegnati all’associazione temporanea d’imprese Defiam-Ecobuilding per smaltire 7200 tonnellate di spazzatura partenopea.

Numeri da capogiro che rendono lecita la domanda: “Possibile che sia l’unica soluzione e non si riescano a conciliare soluzioni più semplici?”

I rifiuti sosteranno infatti, dapprima nel Comune di Serino, dove subiranno un primo fondamentale trattamento necessario al riconfezionamento, per poi essere ricaricati sui camion e raggiungere il porto di Napoli, dove verranno imbarcati su una nave diretta in Bulgaria.

rifiuti

Successivamente dal porto di Burgas, sulla costa occidentale del Mar Nero i rifiuti arriveranno a Polski Izvor, nella municipalità di Cameno.

Destino ancora incerto quello delle ecoballe in Bulgaria, potrebbero alimentare un cementificio, essere incenerite o ancora finire in discarica.

La Bulgaria infatti, è uno dei paesi dell’Unione Europea dove il ricorso alle discariche, nonostante l’enorme impatto sull’ambiente, è praticamente la norma.

Tale vicenda non è di certo isolata in un paese come l’Italia che proprio non vuole impegnarsi a trovare soluzioni alternative con le quali potremmo trasformare i nostri rifiuti in nuove energie, necessarie al nostro sostentamento.

Il governo ha deciso di muoversi su altri piani e prende accordi con diversi paesi esteri quali il Nordafrica, il Portogallo e l’Olanda.

Già è stato pianificato da diverse settimane, l’imbarco che porterà ben 10mila tonnellate dalla più grande discarica siciliana “Lentini” alla Bulgaria.

Insomma considerando che i soldi non mancano per tali soluzioni, non sarebbe ora di comprarsi una lavatrice e lavare i panni sporchi in casa nostra?

I cittadini di Serino d’altro canto non hanno mai nascosto l’indignazione verso la discarica situata nella zona PIP della località Pescarole. Se ne parla poco, ma quella soluzione non piace a nessuno e in estate la situazione  tra caldo e sgradevoli odori, peggiora.

 

Leggi anche