Sanità, i sindacati proclamano lo stato di agitazione

irpinia, sanità, campania, sanità privata

Proclamazione stato di agitazione e richiesta di convocazione per procedura conciliativa presentato al Prefetto di Avellino sui lavoratori della Sanità Pubblica

Le scriventi Organizzazioni Sindacali rappresentative del comparto della Sanità Pubblica, premesso che: – con accordo sindacale in delegazione decentrata del 20 maggio 2019, confermato nella seduta della decentrata del 26 novembre 2019, si concordava, congiuntamente (parte pubblica e privata), di attribuire la fascia economica ai dipendenti aventi diritto dell’ASL di Avellino, nella misura dell’80% -decorrenza 1° gennaio 2019 ed il restante 20% – decorrenza 1° gennaio 2020.Avellino

L’Azienda con le Deliberazioni n. 1746 e n. 1800 del 30/12/2019, la prima di pubblicazione del bando e la seconda di approvazione della graduatoria, in modo arbitrario ed unilaterale ha recepito un’interpretazione della Ragioneria Generale dello Stato del tutto ininfluente e non facendo alcuna giurisprudenza, e quindi ridotto la percentuale di attribuzione delle fasce riferita all’anno 2019. Tenuto conto che in data 16/12/2019 le Segreterie Nazionali di CGIL, CISL e UIL hanno proceduto con diffida formale nei confronti del MEF e Funzione Pubblica, chiarendo che le amministrazioni pubbliche hanno il dovere di riconoscere le Progressioni Economiche, dovendo seguire come unico ed inderogabile parametro
di riferimento quello fornito “dai contratti collettivi nazionali ed integrativi di lavoro”.
Pertanto le scriventi OO.SS. proclamano lo stato di agitazione, motivato dall’infruttuoso incontro tra le parti tenutosi in data 9 luglio 2020, dove non si è raggiunto l’atteso accordo sui “Fondi Comparto anno 2019 – Proposta Accordo su applicazione art. 80 e 81 CCNL 21/05/2018 Comparto Sanità” e anche in considerazione che, ancora una volta, tutti i dipendenti vengono penalizzati per la mancata attribuzione, da oltre 10 anni, della fascia economica nonostante ad oggi siano superate le difficoltà che ne impedivano il riconoscimento.

Si richiede pertanto a S.E. il Prefetto, l‘esperimento della procedura conciliativa prevista dalla legge n. 146/1990, mediante convocazione prevista dall’art. 2 della richiamata Legge.
Si rimane in attesa di urgente incontro.

CGIL FP Licia Morsa 

CISL FP Antonio Santacroce

UIL FPL Gaetano Venezia

FSI-ESAE Massimo Petito 

USB Sergio Di Lauro

CONTINUA SU AVELLINO ZON

 

Letture Consigliate