Questa mattina conferenza stampa di presentazione del programma organizzato dalla Regione Campania, dal Parco del Partenio e da Scabec a Sant’Angelo a Scala

A Mercogliano, la presentazione dell’evento Sant’Angelo a Scala come Ravello: domenica 26 luglio il concerto all’alba sulle note jazz di Marco Zurzolo. Questa mattina la presentazione dell’intero programma organizzato dalla Regione Campania, dal Parco del Partenio e da Scabec.

Musica jazz all’alba ai piedi del Partenio, in uno scenario suggestivo, teatro di numerose battaglie durante il Medioevo: il castello medievale di Sant’Angelo a Scala. Sarà un evento da non perdere quello organizzato dalla Regione Campania, dall’ente regionale Parco del Partenio e Scabec, in programma domenica 26 luglio. Il concerto, che prevede l’esibizione del “Marco Zurzolo Quartet”, avrà inizio alle 6 e sarà corredato da una serie di iniziative. Il tutto rientra nel progetto “La via Campanina e il miracolo dell’incastellamento: un viaggio emozionale tra le rocche antiche ai piedi del Parco del Partenio”. Prima dei “Suoni dal Partenio”, infatti, dopo una rigorosa e abbondante colazione con prodotti tipici, è previsto uno storytelling storico-emozionale per immergersi nella storia di Sant’Angelo a Scala.sant'angelo a scala

Ma non solo. Subito dopo il concerto, escursione all’Eremo dell’Incoronata percorrendo il sentiero di Frà Diavolo, a cura di Irpinia Trekking. Poi, dopo le 10, scatta l’ora di un’esperienza inedita: Yoga e Tai Chi in mezzo ai ruderi dell’Incoronata. Ma non solo, le attività proseguiranno per tutta la giornata di domenica, ma a dire il vero il sabato 25 ci sono già degli antipasti “succulenti”, come ad esempio “Stai comm’ ‘o beato Giulio!”: esperienza di rilassamento e divertimento sotto le stelle con Musica Ambient a cura di Daniele Brenca. Balli medievali a cura dei Viandanti di Montevergine.

Il programma completo è stato presentato nella giornata con una conferenza stampa presso il salone degli Arazzi dell’Abazia del Loreto a Mercogliano a cui hanno partecipato il presidente del Parco del Partenio, Francesco Iovino, che ha dichiarato: “Noi dobbiamo rendere fruibile la bellezza dei nostri borghi. La nostra idea è quella di far conoscere il nostro territorio ed incominciamo da Sant’Angelo a Scala, borgo molto interessante e ricco di storia. Un borgo, un percorso escursionistico e il parco da fruire tutti i giorni”.

Con lui anche l’abate di Montevergine, Don Riccardo Guariglia ed il sindaco di Sant’Angelo a Scala, Carmine De Fazio, che ha detto: “Finalmente stiamo cercando con la collaborazione del Parco di portare avanti questo progetto che tanto sta a cuore a noi sindaci della dorsale del Partenio. Le nostre aree interne sono aree bellissime, con cultura e storia, che finora sono state accantonate”.

Presenti anche altri sindaci dei comuni del Parco del Partenio, l’antropologo Carlo Preziosi, Vincenzo Petrozziello di “Irpinia Trekking”, il direttore scientifico del progetto, Luisa Bocciero.

Il musicista Marco Zurzolo in videomessaggio ha dichiarato: “Questa è una iniziativa bellissima perché usciamo fuori da una situazione complicata, come quella del lockdown. Io credo che questa iniziativa fatta qui è meravigliosa per dare importanza ad un territorio che secondo me è incredibile, abbiamo anche la possibilità di lanciare un segnale positivo con l’arte”.

“Sto lavorando ad un progetto che riguarda dei racconti usciti sul Corriere del Mezzogiorno. Racconti degli anni 70 che riguardano mio fratello e Elvio Porta”, conclude il musicista.

Continua su Avellino Zon

Letture Consigliate