Morero: «Le squadre in vetta non sono imbattibili, io ci credo ancora»



0
Santiago Morero

«Il torneo si deciderà all’ultima giornata, è fondamentale che non aumenti il distacco dal vertice. Alfageme? Vuole l’Avellino a tutti i costi» così Morero

Oggi pomeriggio, presso la sala stampa «Angelo Scalpati» dello stadio «Partenio-Lombardi», il capitano biancoverde Santiago Morero ha tenuto la consueta conferenza infrasettimanale.

Queste le sue parole: «Non siamo contenti del risultato contro l’Anagni perché avevamo in mano la partita, dominando per tutta la gara senza riuscire a chiuderla. Ci hanno fatto un gol evitabile, ma a livello di prestazione credo sia una delle migliori fatte finora».

Sul gol subìto: «Prima che mi arrivasse il pallone, c’è stato un tocco del loro attaccante – ha spiegato Morero – Comunque era una partita che andava chiusa prima. Ora dobbiamo cercare di vincere e aspettare il nostro momento, mancano ancora 15 sfide e sicuramente il campionato si deciderà all’ultima giornata, bisogna guardare avanti e non demoralizzarsi per un risultato.Santiago Morero

È fondamentale che non aumenti il distacco dalla vetta – ha aggiunto Morero – Stiamo pagando la prima parte del girone di andata, dove abbiamo perso molti punti rimanendo troppo distaccati dal vertice, però io ci credo ancora tanto. Diventeranno importanti gli scontri diretti, non penso che le squadre lassù siano imbattibili».

Sul prossimo avversario, il Cassino, Morero ha affermato: «Sarà una gara difficile, perché contro di noi tutti faranno la partita della vita, ma partendo dalla prestazione di domenica avremo più possibilità.

Alfageme? Ci ho parlato oggi, vuole l’Avellino a tutti costi. L’ho visto tranquillo, mi auguro che tutto si risolva, un giocatore così ci farebbe molto comodo».Santiago Morero

Infine, sul tecnico Bucaro: «Il mister conosceva la piazza, ci ha dato un’altra mentalità, non eravamo ordinati come lo siamo adesso. Poi il cambio di modulo è stato positivo perché la squadra ha ritrovato più compattezza, quindi è stato un bene» ha concluso Morero.

Leggi anche