Senerchia, Mazzone: “La pagina sulla decadenza del consigliere Gasparro non è chiusa”

0
senerchia

Claudio Mazzone, capogruppo di “Senerchia è Tempo di Futuro”, si rivolge al sindaco Grillo: “La pagina sulla decadenza del consigliere Gasparro non è affatto chiusa”

«Il sindaco Grillo ci ha abituato all’approssimazione e alla superficialità, qualità cardine della sua politica che si palesano quotidianamente nell’azione amministrativa dell’Ente Comunale» dichiara Claudio Mazzone Capogruppo di “Senerchia è Tempo di Futuro, compagine politica guidata da Alessandro Gasparro.

senerchia, Mazzone«Ci eravamo abituati anche al suo mutismo, rotto però in questi giorni con una dichiarazione sulla decadenza del Consigliere Alessandro Gasparro, attraverso la quale esprime la sua massima impreparazione e la sciatteria tipica con la quale si rapporta alla vita politica ed amministrativa di Senerchia. La pagina sulla decadenza del Consigliere Gasparro non è affatto chiusa, visto che esistono altri gradi di giudizio e che non ci fermeremo davanti ad una decisone che non ci soddisfa. Innanzitutto bisognerebbe specificare che Gasparro ha rinunciato alla causa pendete con il Comune; causa che vede il Comune soccombere e che ha alla base solo meri motivi di vendetta, una causa che con un’amministrazione normale e rispettosa dei pensieri diversi e contrari, non avrebbe mai avuto inizio».

«In più non si deve confondere l’ineleggibilità con l’incompatibilità. Quest’ultima, infatti, si differenzia dalla prima proprio per il fatto di poter essere rimossa, mentre con la decisone del giudice si insinuerebbe il dubbio che Gasparro abbia addirittura perso il diritto all’elettorato passivo.  Siamo convinti che questa sentenza possa essere ribaltata in appello e non ci tireremo indietro, vogliosi di giustizia e coscienti che Senerchia ha espresso un voto deciso e forte nei confronti di Gasparro che ad appena 32 anni, alla prima esperienza elettorale e con una lista giovane, ha raggiunto un risultato che se depurato da episodi gravi che hanno condizionato il voto di giugno nel nostro comune, deve essere letto come una vera e propria vittoria».

«Il Sindaco ha già perso troppo tempo ad inseguire vane rivalse e vendette, si concentri su Senerchia e sui bisogni della comunità, si impegni a fornire le risposte alle nostre interrogazioni e alle nostre interpellanze. Si dedichi con maggiore impegno e serietà alla gestione di un Ente che risulta disorganizzato, con una casa comunale che resta chiusa anche negli orari di apertura al pubblico, nella quale gravitano e si aggirano lavoratori non contrattualizzati e non autorizzato, nella quale sono stati utilizzati i ragazzi del Servizio Civile per fare le pulizie. Grillo badi a fornire i servizi ai cittadini, si occupi di fornire informazioni sulla discarica abusiva nella quale per anni il comune ha sversato impunemente rifiuti di ogni genere».

«Il Sindaco, se vuole davvero essere utile e svolgere in maniera adeguata il suo ruolo istituzionale, si adoperi nella pulizia delle strade, nella riapertura del centro storico, nella sistemazione dell’illuminazione urbana, nella messa in opera del piano di messa in sicurezza della frana dell’Acquara, apra il nuovo plesso scolastico garantendo la sicurezza ai nostri scolari, rimetta in sicurezza il campo sportivo abbandonato all’incuria, ridia aria alle attività commerciali stremate dalla mancanza di un’amministrazione capace di incidere, ci dica che fine ha fatto il PIP e i fondi ad esso destinato. Ha tanto da fare Grillo e sembra invece concentrarsi solo sulle questioni personali arrivando addirittura a denunciare i Consiglieri di opposizione per aver organizzato su suolo privato incontri e dibattiti. Come tutti i suoi atti anche le sue denunce si rivelano dei buchi nell’acqua e si spengono nel vuoto politico che contraddistingue questa amministrazione».

«Il Sindaco Grillo inizi, dopo 6 anni, a governare questo paese, la smetta di portare avanti vendette personali e squallide rivalse individuali. Senerchia ha bisogno di un Sindaco serio e di una Giunta vera e invece Grillo e la sua squadra, in questi anni, hanno dimostrato solo incapacità ed incompetenza» conclude il Consigliere Mazzone.