mercoledì - 8 Dicembre 2021
More

    Serino, sagra della castagna. Cala il sipario

    Ultime Notizie

    Enorme affluenza per la sagra della castagna di Serino, dopo anni e anni di duro lavoro e sacrifici. Rivottoli, un grande palcoscenico

    Cala il sipario sulla XLIII edizione della Sagra della Castagna di Serino, un’edizione caratterizzata da uno strepitoso successo non solo per l’enorme affluenza ma per il grande traguardo raggiunto dopo anni e anni di duro lavoro e sacrificio per tenere in vita una delle più importanti manifestazioni serinesi.

    - Advertisement -

    “Ce l’abbiamo fatta. Abbiamo vinto e abbiamo unito le associazioni del territorio”, ha voluto sottolineare il Direttivo della Pro Loco Serino, il cui Presidente è Anna Rosaria D’Agostino.

    “Grazie a chi si è messo in gioco con noi, a chi è sceso in campo e ci ha incitato e caricato dell’entusiasmo necessario per giocare la partita: grazie all’ Acas, all’Associazioe Canalarte, all’Associazione Rivus. Grazie all’Amministrazione comunale per il patrocinio;
    grazie alla Banca di credito cooperativo di Serino per la sponsorizzazione e per la fiducia; grazie ai Rivottolesi che ci hanno accolto. 

    Grazie alla polizia municipale, ai carabinieri di Serino, alle guardie ambientali, alla Misericordia, alla Protezione civile, alla cooperativa Raffaele Rocco, all’assessore Antonio Martino e ai dipendenti della Comunità montana per l’ottimo lavoro svolto.

    Grazie a tutti i volontari, ai soci e agli Sponsor che ci hanno aiutato a realizzare le nostre idee. Ed infine un ringraziamento speciale va all’Associazione cuochi avellinesi URC Campania e al Presidente Luigi Vitiello per l’entusiasmo, la passione e la grande professionalità.
    Uniti si vince. Arrivederci alla XLIV Sagra della Castagna”.

    Serino
    Foto di Generoso De Biase

    Laura Rocco, Presidente dell’Associazione Canalarte ha dichiarato:

    In quanto presidente di Canalarte, abbiamo deciso di scendere in campo per la sagra della castagna di Serino prima di tutto perché ci sentiamo serinesi. Abbiamo cercato, insieme agli altri, di dare un valore aggiunto. Siamo tutti figli di castagnari, orgogliosamente, e per questo e per il senso di appartenenza, abbiamo voluto puntare sul borgo di Rivottoli che, con la bellissima chiesa, il campanaro e i vicoli del paese, sono diventati il palcoscenico di questo successo.

    Foto di Grazia Renzulli

    Sono sempre più convinta che eventi come questo o come Canalarte servono soprattutto a non far morire i borghi e a dargli la forza necessaria per far andare avanti anche le attività del luogo. Per noi una grande soddisfazione. Le sinergie, quelle giuste, funzionano sempre”.

    Latest Posts