Sosteniamo la “Casa sulla roccia”. Basta un semplice click!



0

La “Casa sulla roccia “, centro di solidarietà avellinese, lancia il suo appello attraverso il web. Con un semplice click sarà possibile sostenere il progetto “Da donna a donna” che, se avrà più voti, porterà alla nascita di un centro antiviolenza e di una casa rifugio per  l’ascolto, la protezione e l’accoglienza di donne vittime di abusi. Un piccolo gesto  per uno scopo importantissimo

L’organizazione no-profit avellinese “La Casa sulla roccia” lancia un appello a sostegno del progetto “Dimensione Donna”,  nato per l’ascolto, la protezione e l’accoglienza di donne vittime di violenza. L’iniziativa ha un duplice scopo: da un lato la realizzazione di un “Centro Antiviolenza”, uno sportello di ascolto che possa essere a disposizione di coloro che subiscono violenza di genere e che, in questo modo, possano trovare la forza di reagire, nonché il personale adeguato a sostenerle. Dall’altro la creazione di una “Casa Rifugio” in forma residenziale, dove queste potranno trovare uno spazio idoneo e protetto, un nuovo luogo dove vivere e ricominciare, rivolto anche ai propri figli. Molto di concreto è già stato fatto, anche grazie alla collaborazione della “Demetra”, la cooperativa sociale che ha accompagnato l’iniziativa occupandosi dello svolgimento delle attività socio-sanitarie.

Grazie alla collaborazione tra le due organizzazioni per il sociale, l’ambizioso progetto è statoviolenza donne approvato nel 2014 dalla Regione Campania. Sono quindi iniziati i primi lavori di ristrutturazione e arredo di uno spazio concesso in comodato d’uso dal Comune di Ospedaletto d’Alpinolo (AV) ; ecco come un ex asilo, luogo di crescita e protezione, torna nuovamente a svolgere quella funzione. Inoltre “la Casa sulla roccia”  ha voluto dedicare l’iniziativa ad Antonella Russo, la giovane studentessa solofrana che nel 2007 venne uccisa dall’ex compagno della madre. Antonella è da allora diventata il simbolo della violenza di genere, ma attraverso la “Casa rifugio” il suo nome non sarà soltanto il triste ricordo di una tragedia; al contrario per moltissime donne, sarà il simbolo della speranza, il dolce suono di un luogo sicuro. 

Dunque molto è stato fatto, ma non tutto. Ancora tante sono le spese che l’organizzazione deve affrontare affinché le porte possano aprirsi a centinaia di donne in difficoltà. Ecco dunque la decisione di partecipare  al concorso di Aviva Community Found: una compagnia assicurativa nata in UK,  che ha lanciato via web una competizione al fine di dare sostegno economico a una causa importante per la società. I progetti che riceveranno più voti potranno ottenere un finanziamento.

Per sostenere il progetto “Da donna a donna” basterà un semplice click sul link /community-fund-italia, per poi assegnare il proprio voto. I 45 progetti più votati accederanno alla fase finale dove una giuria decreterà i 18 vincitori.
Il tempo a disposizione è fino all’8 marzo. Bisogna affrettarsi!

“La Casa sulla roccia”, nata nel 1985, proprio quest’anno ha festeggiato i suoi 30 anni la-casa-sulla-rocciadi presenza sul territorio. Una presenza incisiva e continua, tanto da diventare il vero faro dell’irpinia nell’ambito del sociale. Tutti noi in qualche modo siamo stati toccati dalle storie coraggiose di questa grande famiglia, che hanno tutte come morale il non perdere mai la speranza. Perciò è doveroso e fondamentale che adesso la società restituisca, almeno in parte, il bene ricevuto. Attraverso un semplice click ogni figlia, ogni madre, ogni sorella, ogni DONNA, potrà ricominciare. 

Leggi anche