Summonte, convegno sulla castanicoltura e prospettive di rilancio del settore

0
avellino

È tutto pronto per l’incontro sulla castanicoltura che si terrà a Summonte domani 17 novembre. Al centro del dibattito problemi e prospettive di rilancio del settore. Il Sindaco Giuditta: “Il cinipide galligeno ha distrutto la castanicoltura, produzione praticamente irrisoria”

La crisi della castanicoltura, quali prospettive?”. Questo il tema dell’interessante convegno che si svolgerà a Summonte e che punterà i riflettori sul comparto castanicolo così duramente colpito dal cinipide galligeno.

Saranno affrontati temi e problematiche che stanno molto a cuore ai produttori, trasformatori, cittadini e amministrazioni locali di quelle aree, comprese tra il Partenio, il serinese, l’Alta Irpinia e la zona di Avella, dove l’economia si fonda principalmente sulla produzione, lavorazione e commercializzazione delle castagne. Una crisi profonda del settore, come quella che si sta vivendo da alcuni anni, significa mettere in ginocchio un intero sistema economico soprattutto quando mancano serie politiche di intervento e di prevenzione.

summonte
Esemplare di cinipide galligeno

Il devastatore incriminato è il cinipide galligeno. Si tratta di un insetto che attacca i germogli delle piante causando la formazione di galle, arrestandone la crescita vegetativa e provocando una riduzione della fruttificazione. Infestazioni gravi possono portare al rapido deperimento della pianta. Enormi passi avanti sono stati compiuti, ma purtroppo ancora tanto resta da fare in termini di ricerca e sperimentazione per trovare una soluzione definitiva contro il cinipide.

Entusiasmo e speranze animano il Sindaco di Summonte, dott. Pasquale Giuditta, che si augura un’ampia partecipazione al convegno delle associazioni di categoria e dei produttori, e al tempo stesso auspica una presa di posizione chiara e risolutiva da parte della Regione Campania.

«Il cinipide galligeno ha distrutto la castanicoltura – ha dichiarato Giuditta – Il minimo storico è stato raggiunto quest’anno con una produzione praticamente irrisoria. Dobbiamo lavorare in sinergia per difendere il nostro patrimonio. Dall’incontro di giovedì sono certo che emergeranno validi spunti che porteranno alla definizione di un documento da presentare alla Regione Campania. L’attenzione su questo argomento non può e non deve calare. Rivolgo un invito a tutti i castanicoltori irpini, a tutti i trasformatori e ai possessori di castagneti di partecipare all’incontro in programma a Summonte».

L’appuntamento è per domani giovedì 17 novembre, ore 17:00, presso la sala consiliare del Comune del Partenio. Ad aprire l’incontro sarà proprio il primo cittadino dott. Giuditta; a seguire gli interventi del dott. Domenico Sarno (Presidente ACLI), del dott. Alfonso Di Massa (Coordinatore Regionale Agrinsieme) , dell’avv. Domenico Biancardi (Presidente Comunità Montana Partenio Vallo Lauro)  e del prof. Antonio De Cristofaro (Docente Scienze e tecnologie agrarie Università del Molise). Ampio spazio sarò riservato agli interventi di Sindaci e Amministratori locali, nonché a rappresentanti di categoria, produttori e trasformatori. Le conclusioni saranno affidate all’On. Rosetta D’Amelio (Presidente del Consiglio Regionale della Campania).