Taccone: «La fideiussione è valida. Se i tifosi fossero più intelligenti…»



0
Taccone

Stamattina, in conferenza stampa, il presidente Taccone si è espresso sulla vicenda relativa all’iscrizione e sul comunicato degli ultras della Curva Sud

Stamattina, direttamente dalla sala stampa allestita all’hotel «Incontro» di Ariano Irpino, luogo del ritiro precampionato dei Lupi, il presidente Walter Taccone ha rilasciato alcune dichiarazioni per tranquillizzare l’ambiente, dopo il caos generato dall’esclusione al prossimo campionato di Serie B.

Queste le parole di Taccone: «La società ha ottemperato a tutti gli obblighi previsti per l’iscrizione al campionato, è stata fatta una ricapitalizzazione importante, di diversi milioni di euro, e abbiamo sistemato tutto, compreso il rapporto P/A e i pagamenti non solo dei giocatori e dello staff tecnico, ma anche gli stipendi dei medici, dei commercialisti e del marketing, entro le date del 25 e 30 giugno.

Abbiamo fatto una fideiussione che, a nostro avviso, è validissima, spendendo 50mila euro per fare una polizza da 800mila euro e ci siamo rivolti allo stesso broker che ci ha fatto le ultime tre polizze assicurative, per le quali non abbiamo avuto mai nessun problema. È vero che la Onix Asigurari (compagnia di assicurazioni rumena, con sede a Bucarest, ndr) non ha un rating, ma non è su questo che si basa il giudizio per l’affidabilità bensì sull’indice di solvibilità, che è in regola; inoltre, ha la copertura totale come una delle società tra le prime al mondo per riassicurazione. Noi abbiamo fatto tutte le cose in maniera pulita, senza nessun sotterfugio o furbizia».Taccone

Domani, giovedì 19 luglio, si saprà il destino del club biancoverde: «La Covisoc passerà tutto al commissario e deciderà la nostra sorte, ma sono sereno perché oltre alle due polizze che ripeto, per noi e per i nostri legali sono legittime, ne abbiamo stipulata una terza, con Groupama; fideiussione datata 16 luglio e che oggi porterò io stesso a Roma per consegnarla a mano; andrò nella Capitale a dire che non abbiamo nessun problema per iscriverci al campionato, non vogliamo nessun punto di penalizzazione o, figuratevi, la retrocessione».

Sul comunicato della Curva Sud: «Questa è una vicenda creata ad arte, noi non abbiamo fatto niente, i tifosi sono arrabbiati con chi, con me? Proprio io che ho fatto tutti questi sforzi enormi per portare la squadra a iscriversi, è una cosa veramente ridicola; se i tifosi fossero più intelligenti capirebbero che questa è una cosa nata da terzi, invece continuano ad alimentare queste chiacchiere.

Ho fatto quello che dovevo fare: ho ricapitalizzato, ho pagato tutto e ho stipulato tre polizze, cosa devo fare più di questo? Che cosa vogliono i tifosi da me? Cosa possono volere oltre quello che ho fatto, che nessun presidente ha mai compiuto, e lo sapete bene» ha concluso il patron Taccone.

Leggi anche