mercoledì - 28 Ottobre 2020

Avellino, dimessi oggi madre e figlio 15enne. Erano risultati positivi al Covid

Una buona notizia in Provincia di Avellino per quanto riguarda i casi di positività al Coronavirus. Sono stati dimessi due pazienti Questo pomeriggio è stato...
More

    Taekwondo: disciplina millenaria arrivata in Irpinia

    Ultime Notizie

    Avellino, dimessi oggi madre e figlio 15enne. Erano risultati positivi al Covid

    Una buona notizia in Provincia di Avellino per quanto riguarda i casi di positività al Coronavirus. Sono stati dimessi due pazienti Questo pomeriggio è stato...

    Montoro, altre 4 persone risultate positive al Coronavirus

    Sale il numero dei casi di positività al Coronavirus. A comunicarlo è stato lo stesso primo cittadino del Comune di Montoro Montoro - "Altri quattro...

    Moscati, un altro positivo al Coronavirus deceduto oggi

    Sale ancora il numero dei decessi di persone positive al Coronavirus in Provincia di Avellino l'ultimo in ordine di tempo un 66enne di Quindici È...

    Rsa Volturara Irpina, Manganaro: isolamento contatti e screening personale

    Il sindaco di Volturara irpina Nadia Manganaro comunica che è stato prontamente disposto isolamento contatti, screening in corso su personale ed ospiti della Rsa....

    Ecco un interessante approfondimento sulla nobile disciplina del Taekwondo, un percorso che va dalla nascita di questo sport sino al suo arrivo in Irpinia

    Quella che segue è una breve storia del Taekwondo; obiettivo principale di tale articolo è quello di  semplificare l’approccio a tale disciplina a tutti coloro i quali trovano enormemente confusionaria la classica divisione per dinastie e attraverso la storia della Corea dei primi del ‘900, sino ad arrivare a parlare di come tale sport si è radicato, negli ultimi decenni, in Italia, con particolare riferimento alla Campania e all’Irpinia.

    - Advertisement -

    Sostanzialmente partiamo dal presupposto che le arti marziali nacquero per scopo difensivo (per difendere l’imperatore, la nazione ecc..)e questo vale per la Cina quanto per la Corea o il Giappone; detto questo il Tae Kwon Do si dice che derivi da arti praticate 2000 anni fa: in effetti ci sono diverse incisioni, affreschi e pitture murali che lo testimoniano, in quanto riportano tecniche di combattimento simili a quelle su cui è basato il Tae Kwon Do attuale.

    Nella lingua coreana il termine taekwondo si compone di tre sillabe: tae (“colpire/spezzare con i piedi”), kwon (“colpire con il pugno”) e do (“arte”, “disciplina”, “metodo”, “cammino” o “via”). Così, “taekwondo” può essere grossomodo tradotto con «l’arte di colpire con il pugno e con il calcio». Talvolta il nome è trascritto anche nelle forme tae kwon do, taekwon-do o tae-kwon-do, ed è spesso abbreviato in TKD.

    La filosofia del Taekwondo ha come fondamento l’etica, la morale, le norme spirituali attraverso le quali gli uomini possano convivere armoniosamente insieme. Le parole stesse del generale Choi (il fondatore) ci aiutano a capire meglio: “spero sinceramente che attraverso il Taekwondo ogni uomo possa acquistare la forza sufficiente per arrivare ad essere il guardiano della giustizia, opponendosi ai conflitti sociali e coltivando lo spirito umano al livello più alto possibile. È con questo spirito che mi sono dedicato all’arte del Taekwondo per tutti i popoli del mondo”. Il generale Choi stabilì la filosofia e i seguenti principi come le basi del Taekwondo e tutti gli studenti seri di quest’arte li dovrebbero osservare e rispettare attraverso il loro cammino sia nell’arte che nella vita.

    Lo studente deve cercare di mettere in pratica i seguenti elementi di cortesia per costruire un carattere nobile.

    Oggi abbiamo il Tae Kwon Do WTF che è riuscito ad arrivare alle olimpiadi, il cui stile è effettivamente molto fluido e ricorda le arti antiche coreane ma che principalmemte è strutturato come sport (ma conserva tutte le tecniche dell’arte marziale); ed abbiamo anche il Tae Kwon Do ITF che insegna le forme e le tecniche del suo fondatore.

    Nonostante vi siano differenze tecniche e dottrinali fra le due correnti e fra le varie organizzazioni, l’arte in generale enfatizza l’uso di calci tirati da una posizione mobile, impiegando la maggiore potenza e raggio d’azione della gamba (rispetto al braccio). L’allenamento del taekwondo tradizionale generalmente include un sistema di blocchi, calci, pugni e colpi a mani aperta; può includere anche alcune forme di proiezione, spazzata e leva. Alcuni istruttori di taekwondo includono anche lo studio dei punti di pressione, conosciuti come jiapsul, come anche tecniche di difesa personale mutuate con altre arti marziali come l’hapkido e il judo. Il Taekwondo WTF sportivo da combattimento a contatto pieno , si compone in larga misura di vari tipi di calci medi ,alti e pugni (diretto al petto, ganci ai fianchi , montanti allo stomaco), esclusivamente al busto.

    Il taekwondo contiene anche delle forme, chiamate poomse, che prendono generalmente il nome dagli elementi della natura (acqua, acciaio, vento, fuoco, terra), da concetti filosofici orientali o da avvenimenti della storia coreana. Solitamente vengono fatte dimostrazioni di taekwondo, eseguendo rotture di tavolette con calci in volo e pugni.

    divisa Taekwondo
    Divisa Taekwondo

    Il costume di allenamento del taekwondo è composto da una giacca bianca chiusa (e non aperta come quella del karate o del judo), dai pantaloni dello stesso colore della giacca e dalla cintura. Il colletto della casacca è bianco per le cinture colorate (tutte le cinture prima della nera) e nero per le cinture nere. Questa divisa viene chiamata dobok.

    Tale disciplina in Italia è attivata intorno agli anni ’60 e in Irpinia fu portata nel 1973 dal maestro Ciro D’Alessandro il quale vede continuare il suo sogno e la sua attività nell’Accademia del Taekwondo creata dal figlio Gianluca D’Alessandro, l’esponente FITA con il grado di cintura nera più alto. Attualmente in Irpinia è la cintura nera con il Dan più alto (V Dan) , l’atleta più titolato e l’unico ad aver indossato la maglia della nazionale Italiana di Taekwondo.

    Altro esponente del Taekwondo irpino è Alfonso Iuliano, nuovo delegato provinciale FITA, che vanta una quindicennale esperienza sul campo. Lui è una cintura nera III Dan.

    Continuate dunque a seguirci nel nostro viaggio all’interno di questa nobile disciplina.

    Latest Posts

    Avellino, dimessi oggi madre e figlio 15enne. Erano risultati positivi al Covid

    Una buona notizia in Provincia di Avellino per quanto riguarda i casi di positività al Coronavirus. Sono stati dimessi due pazienti Questo pomeriggio è stato...

    Montoro, altre 4 persone risultate positive al Coronavirus

    Sale il numero dei casi di positività al Coronavirus. A comunicarlo è stato lo stesso primo cittadino del Comune di Montoro Montoro - "Altri quattro...

    Moscati, un altro positivo al Coronavirus deceduto oggi

    Sale ancora il numero dei decessi di persone positive al Coronavirus in Provincia di Avellino l'ultimo in ordine di tempo un 66enne di Quindici È...

    Rsa Volturara Irpina, Manganaro: isolamento contatti e screening personale

    Il sindaco di Volturara irpina Nadia Manganaro comunica che è stato prontamente disposto isolamento contatti, screening in corso su personale ed ospiti della Rsa....