Tegola in casa Scandone: Cusin out per due mesi. Stasera c’è l’Utena



0
cusin

Nel giorno della  sfida contro Utena, arriva la tegola in casa biancoverde: infortunio per Marco Cusin

Marco Cusin out per 2 mesi per una frattura al quarto metacarpo della mano destra. Questo il responso dello staff medico che ha esaminato il giocatore biancoverde dopo l’infortunio riportato nella seduta di allenamento di ieri pomeriggio. L’operazione è fissata per il 26 gennaio presso la Clinica Santa Teresa di Isola del Liri e che verrà eseguita dall’ortopedico della Nazionale Maggiore, dottor Raffaele Cortina.

Infortunio a parte, stasera si decide il futuro dei Lupi in Champions League. Gli uomini di Coach Sacripanti dovranno sopperire alla pesante assenza di Cusin e vincere contro Utena per poter sperare di approdare direttamente agli ottavi di finale.

L’assistant coach Max Oldoini presenta così la gara:

“Contro Utena ci aspetta una partita difficile e insidiosa, non solo dal punto di vista tecnico tattico, ma anche psicologico, per noi, infatti, ci sarà solo un risultato da conseguire. Per prima cosa, dovremo fare una partita sopra le righe, con grande energia fisica e mentale su entrambi i lati del campo, l’esecuzione del piano partita dovrà essere impeccabile. La formazione della Juventus Utena è profonda, giocano di squadra e lo si evince dai 18 assist di media a partita. Oltre ad aver un ottimo roster, hanno aggiunto Darius Salenga, giocatore di esperienza di Eurolega. Giocano una buona pallacanestro fatta di blocchi, tagli e di movimenti, corredata da diversi tipi di difesa che possono alternare nell’arco della stessa partita, sono preparati sotto ogni punto di vista. Il loro percorso in Champions League è stato condizionato da qualche infortunio di troppo, la posizione che occupano in classifica non rispecchia appieno il loro valore. Oltre che a una gara perfetta, avremo bisogno del sostengo di tutto il pubblico irpino, il loro calore sarà un aspetto fondamentale per il raggiungimento di questo obiettivo così importate.”

Leggi anche