domenica - 5 Luglio 2020

Montella: il santuario del SS Salvatore riaperto dopo il restauro

Sabato 27 giugno è stato riaperto il Santuario del SS Salvatore di Montella, emblema della fede dei cittadini. Ecco l'intervista alla restauratrice Margherita Gramaglia Montella...
More

    Telenostra chiude dopo 33 anni di storia

    Ultime Notizie

    Montella: il santuario del SS Salvatore riaperto dopo il restauro

    Sabato 27 giugno è stato riaperto il Santuario del SS Salvatore di Montella, emblema della fede dei cittadini. Ecco l'intervista alla restauratrice Margherita Gramaglia Montella...

    Coronavirus, un uomo di 69 anni positivo adesso è ricoverato al Moscati

    Un uomo di 69 anni risultato positivo al Coronavirus, è stato ricoverato presso l'ospedale Moscati di Avellino Aggiornamento - "Questa mattina, purtroppo, ci è arrivata...

    Ardolino: “De Luca e Caldoro hanno affossato le aree interne”

    Irpinia Adesso sulle imminenti Elezioni Regionali, Giovanni Ardolino contro De Luca e Caldoro: "È tempo di voltare pagina" «La provincia di Avellino ha bisogno di...

    Ammen, nel film girato a Montecalvo anche Gianni Vigoroso

    Canale 696 nelle sale cinematografiche italiane, il giornalista Gianni Vigoroso interpreta se stesso nel film Ammen al fianco di Mattioli e Gregoraci Montecalvo - Nel cast di...

    Avellino, città in letargo, dice addio all’emittente televisiva Telenostra dopo anni di storia. Il lupo verde è morto insieme alla passione cittadina

    [ads1]

    - Advertisement -

    Avellino sembra una città intenta a restare sola. È stata diffusa ieri la notizia della chiusura dell’emittente televisiva Telenostra, telegiornale del capoluogo irpino dal 1982. L’editore Piccirillo, amareggiato, ha confermato. Un fatto gravissimo che coinvolge i  lavoratori dell’informazione, ma soprattutto un altro colpo alla democrazia e al pluralismo della provincia.

    Telenostra, facente capo al gruppo Lunaset, viene dunque smantellata, e i dipendenti trasferiti presso altre sedi dell’emittente, a Napoli e Caserta. L’ordine dei giornalisti della Campania ha denunciato la chiusura di Telenostra, assieme al Sindacato unitario giornalisti della Campania e quello dei consiglieri nazionali della Fnsi.

    La chiusura di un’emittente con trenta anni di storia, tra le prime a dare voce al territorio irpino, fondata da Pasquale Grasso, giornalista che ha allevato schiere di giovani giornalisti, lascia un vuoto preoccupante”, è  quanto si afferma in un comunicato dell’Ordine dei giornalisti della Campania, “censurano ed esprimono grande preoccupazione per la decisione dell’editore che priva la provincia di un importante riferimento per l’informazione e la libertà”.

    paolo foti sindaco telenostra
    Sindaco Paolo Foti

    L’Irpinia – continua la nota – sarà meno rappresentata con la chiusura di una voce rilevante. Il richiamo è all’editore affinché ritorni rapidamente sulla sua decisione. Sindacato e Ordine sono vicini ai colleghi e vigileranno perché siano rispettate da Lunaset le prerogative dei giornalisti e dei tecnici”.

    È clamorosa, dunque, la svolta nel panorama televisivo dell’Irpinia, del Sannio e di altre zone della Campania. Pasquale Grasso si starà sicuramente rivoltando nella tomba, per l’indifferenza che attraversa la città di Avellino, e per la parabola discendente di Telenostra, che non  si è mai sviluppata attraverso il web.

    L’irpinia rimane inerme, ma soprattutto, appare una località completamente apatica. Dopo la chiusura di una “voce”, dopo i salti giù dal ponte delle Ferriere, dopo le fabbriche e le banche chiuse, la cosa importante è: fare festa. Allestire e decorare le casette di legno in corso Vittorio Emanuele II e vendere i prodotti tipici irpini: vino, formaggio e polpette di mallone, che faranno cresce l’orgoglio solo nella pancia.

    Con la chiusura di Telenostra un altro pezzo di storia finisce, il grande lupo verde dell’Irpinia cominciato con un grande Pasquale Grasso, si rintana definitivamente con un signor Piccirillo.

    [ads2]

    Latest Posts

    Montella: il santuario del SS Salvatore riaperto dopo il restauro

    Sabato 27 giugno è stato riaperto il Santuario del SS Salvatore di Montella, emblema della fede dei cittadini. Ecco l'intervista alla restauratrice Margherita Gramaglia Montella...

    Coronavirus, un uomo di 69 anni positivo adesso è ricoverato al Moscati

    Un uomo di 69 anni risultato positivo al Coronavirus, è stato ricoverato presso l'ospedale Moscati di Avellino Aggiornamento - "Questa mattina, purtroppo, ci è arrivata...

    Ardolino: “De Luca e Caldoro hanno affossato le aree interne”

    Irpinia Adesso sulle imminenti Elezioni Regionali, Giovanni Ardolino contro De Luca e Caldoro: "È tempo di voltare pagina" «La provincia di Avellino ha bisogno di...

    Ammen, nel film girato a Montecalvo anche Gianni Vigoroso

    Canale 696 nelle sale cinematografiche italiane, il giornalista Gianni Vigoroso interpreta se stesso nel film Ammen al fianco di Mattioli e Gregoraci Montecalvo - Nel cast di...