Carbonelli: «Dobbiamo invertire il nostro ruolino di marcia in trasferta»

0
Tommaso Carbonelli

«Ci mancano i punti persi fuori casa. Abbiamo sofferto molto anche i terreni di gioco differenti dal nostro» ha dichiarato Tommaso Carbonelli

Nei giorni scorsi, il centrocampista biancoverde Tommaso Carbonelli ha raccontato la settimana dei Lupi in una conferenza stampa che si è collocata a metà strada tra l’affermazione interna contro la Vis Artena e l’appuntamento in trasferta contro l’Ostia Mare.

Queste le sue parole: «Siamo consapevoli di aver fatto una buona partita casalinga, molto importante per il nostro morale – ha dichiarato Carbonelli – così come sappiamo che dobbiamo assolutamente invertire il nostro ruolino di marcia in trasferta. Da questo punto di vista, affrontare un impegno esterno come quello di Ostia è un ottimo banco di prova per tutta la squadra».

Carbonelli, classe 2000, va a comporre con il coetaneo Fabiano Parisi una possibile catena di sinistra per i biancoverdi, tanto giovane quanto determinata: «Con Fabiano mi trovo benissimo – ha ammesso – anche lui, come me, si impegna molto ed entrambi possiamo adattarci a ricoprire più ruoli sulla fascia. Io nasco come mezz’ala, ma non ho assolutamente problemi a giocare esterno. In ogni caso, sarò dove il mister preferisce, il mio lavoro è quello di farmi trovare pronto e dare sempre il massimo».Tommaso Carbonelli

Il numero 16 dei Lupi conosceva già l’ambiente: «Sono due anni che lavoro qui ad Avellino, una piazza fantastica e una città bellissima. Ora, in Serie D è cominciata una nuova avventura, che per me è un sogno ma anche un impegno importante che ricordo a me stesso ogni volta che vedo i nostri tifosi in casa e fuori. Giocare qui mi ha insegnato a fare la guerra quando scendo in campo, in un’altra piazza magari non sarebbe così. Le parole di mister Graziani su noi under? Lo apprezziamo perché ci dice le cose in faccia, devono essere per noi uno stimolo a fare sempre meglio».

L’appuntamento è oggi, alle 14.30, sul campo di Ostia: «Ci mancano i punti persi in trasferta. Abbiamo sofferto molto anche i terreni di gioco differenti dal nostro, che rappresenta un vantaggio non solo sotto il profilo ambientale. Di fronte – ha concluso Carbonelli – abbiamo trovato squadre che contro di noi sono ancora più motivate proprio per il nome che portiamo addosso, questo ci deve obbligare a dare sempre il 200%».