Torella dei Lombardi, Paolo Saggese incontra Gianpaolo Faia

0
Torella dei Lombardi

A Torella dei Lombardi, il 12 agosto, si terrà l’evento Musica e cultura: Paolo Saggese incontra Faia”, con “Vuoto sincronizzato” e “Il ’68 degli Irpini”

Il 12 agosto, alle ore 18 e 30, a Torella dei Lombardi, in provincia di Avellino, si terrà l’evento “ 1968 – 2018 Musica e cultura: Paolo Saggese incontra Faia”. Per l’occasione saranno presentati l’album “Vuoto sincronizzato” di Gianpaolo Faia ed il libro “Il ’68 degli Irpini”, a cura di Gianni Festa e Paolo Saggese.

Un libro sul ’68 in Irpinia, per raccontare quello che accadde 40 anni fa, facendo un bilancio su ciò che ha rappresentato. Si tratta di un lavoro corale, frutto di un’accurata ed intensa ricerca, che rappresenta una forte voglia di cambiamento.

Un saggio di Franco Festa descrive la città di Avellino e la situazione socio-economica e culturale di quel tempo, attraverso le testimonianze di Antonio Spina, Rodolfo Salzarulo e Peppino Iuliano; tanti altri gli interventi che racconteranno un periodo così tanto rivoluzionario.

Un bilancio sulla situazione attuale in Italia e in Europa ed una serie di saggi che raccontano e spiegano il rapporto tra provincia e nazione. Un anno, il Sessantotto, che da sempre si presenta come un fenomeno socio-culturale, nei quali grandi movimenti di massa interessarono quasi tutti i Paesi del mondo con la loro forte carica di contestazione contro i pregiudizi socio-politici.

Un movimento sociale e politico che ha profondamente diviso l’opinione pubblica e i critici, tra chi sostiene sia stato uno straordinario momento di crescita civile  e chi sostiene invece sia stato il trionfo di una stupidità generalizzata, che rovinò la società italiana.

Torella dei Lombardi
Paolo Saggese

Un confronto generazionale caratterizzerà l’incontro,  tra chi ha vissuto il ’68 e il musicista e cantautore nuscano, Gianpaolo Faia, che si è ispirato a lungo ai gruppi musicali proprio di quel periodo. Una terra, l’Irpinia, capace ancora di sognare e sperare.

Un grande artista capace di instaurare rapporto simbiotico con la musica, uno scrigno che racchiude tutte le sue emozioni. Un atto di fede, di scienza, d’amore. Rappresenta un rifugio, una certezza, ma anche l’ignoto da esplorare. È passione sfrenata, sesso, fuoco, ma anche terra e radici.

L’ elettrizzante song writer ha da poco creato il suo primo album da solista,  Vuoto Sincronizzato. Un suggestivo incontro tra uno spirito rock imbrigliato in un circuito elettronico, un dialogo sonoro ben riuscito e molto raffinato.

Il disco è autoprodotto in collaborazione con “La Clinica Dischi” (Milo Manera e Leonardo Lombardi), scritto e suonato da Faia, affiancato da fidati musicisti quali: Angelo Prudente (basso), Vittorio Vigilante (chitarre) e Giacomo Lomasti (chitarre). Hanno inoltre collaborato Giuseppe Coglitore e Manuel Maccarone (batterie).

Torella dei Lombardi

A primo acchito l’album ricorda per vocalità e tematiche i Marlene Kuntz di “Senza Peso”, un chiaro riferimento a un’anima rock indipendente. In ogni canzone c’è un chiaro punto di riflessione personale e sociale. Ma richiama per melodie e gusto fine anni ottanta inizio anni 90’ echi internazionali come The Cure, New order,The Police, Depeche mode.

NEL BUIO DEL FONDO, uno dei brani del disco, rappresenta un urlo che vuole sovrastare tutte le voci che durante ogni giorno ci sopprimono, quando si tocca il fondo della ripetitività e si vuole squarciare questa monotonia per ritornar a respirare.

Introdurrà Gianni Festa, direttore del Qutidiano del Sud, nella Sala Consiliare del Comune. L’incontro, difatti, sarà reso possibile grazie al Patrocinio del Comune di Torella dei Lombardi, e alla collaborazione del gruppo Fratres, Pro Loco e Forum dei Giovani di Torella. I saluti spetteranno al Sindaco Amado Delli Gatti.