Ufficiale: Umberto Eusepi è un nuovo calciatore dell’Avellino

0
Eusepi

Umberto Eusepi è da oggi il nuovo volto del reparto avanzato biancoverde che prenderà il posto lasciato vuoto da Benjamin Mokulu

Dopo settimane di tira e molla e problemi di “rifiuti”, l’Avellino ha finalmente trovato il nome al nuovo attaccante di casa biancoverde, stiamo parlando di Umberto Eusepi, con l’ufficialità nella giornata odierna. Il giocatore è stato ingaggiato con la formula del prestito secco ed ha già scelto il numero della sua casacca, il numero nove.

GIOVENTÙ – Umberto Eusepi nasce a Tivoli il 9 gennaio del 1989. Comincia a Eusepidare i primi calci ad un pallone nelle giovanili della Lazio, salvo poi passare nelle fila dell’altra compagine capitolina, la Roma. Questo sarà soltanto il primo dei trasferimenti che caratterizzeranno la carriera del calciatore. Nel 2006, il Genoa lo preleva dalla Roma e lo inserisce nelle giovanili per due anni, quando nel 2008 fa il suo esordio tra i professionisti passando in prestito all’Ancona, allora in Serie B; esordisce contro il Treviso, ma realizza il suo unico gol in maglia biancorossa l’anno successivo contro l’Empoli.

VAI E VIENI –Eusepi comincia dunque il suo viaggio lungo tutta l’Italia alla ricerca dell’ambiente e della squadra ideale, ma perché non resterà mai più di un anno con gli stessi colori. Nel 2009 va in prestito per sei mesi alla Reggiana, poi passa al Viareggio, sempre in Prima Divisione, dove si metterà in mostra, mettendo a referto tredici presenze e ben nove reti. Nel 2010, il suo cartellino viene diviso in comproprietà tra Genoa e Varese, compagine appena promossa in serie cadetta. Dopo sole sei presenze e senza neanche un gol, va in prestito a Pavia, dove ripete le buone prestazioni messe in mostra a Viareggio. Nel 2011 passa sempre in prestito al Carpi, segnando soltanto otto gol in trentasette presenze. Nel 2012, la comproprietà si risolve a favore del Varese che lo spedisce in prestito alla Pro Vercelli per sei mesi.

GIROVAGO – Il suo approdo a Perugia sembra rappresentare il momento della sua esplosione definitiva: con la maglia degli umbri fa segnare ben trenta presenze e tredici gol, con i quali contribuirà alla vittoria del campionato e dunque alla promozione in cadetteria ed infine alla vittoria della Supercoppa di categoria. L’anno successivo, nonostante il suo desiderio espresso di rimanere, viene ceduto a titolo definitivo al Benevento in Lega Pro, concludendo la stagione con il titolo di capocannoniere e con i play-off persi ai preliminari con il Como. Nel 2015 si sposta di capoluogo campano; passa infatti alla Salernitana che dato lo scarso rendimento (zero presenze, nessun gol) lo cede al Pisa, club con il quale conquisterà la promozione in Serie B siglando la rete del pari nei minuti di recupero della finale di ritorno contro il Foggia.  Durante questi anni vanta anche una piccola militanza nelle Nazionali minori, fino all’Under-20.

Oggi è finalmente arrivato ad Avellino ed è già stato convocato per il match di domani contro la Virtus Entella. Tutti i tifosi biancoverdi si augurano che il nuovo bomber possa ripetere le buone prestazioni fatte in passato, ça va sans dire, nella speranza che qui trovi la continuità di cui ha bisogno.