Un irpino nel progetto della prima tv italo-americana

0
tv italo-americana

Il regista Alfonso Perugini, originario di Atripalda, è direttore editoriale di “Si Italia TV”,  tv italo-americana fondata con l’obiettivo di collegare e raccontare le comunità italo-americane fuori e dentro gli Stati Uniti

C’è anche un po’ d’Irpinia nel progetto della prima tv italo-americana. Il regista Alfonso Perugini, nativo di Atripalda e tra i protagonisti dell’ultima edizione del “Laceno d’oro”, è infatti il direttore editoriale di “Si Italia TV”, emittente recentemente fondata a New York da Stefano Santoro.

Si tratta, come si legge sul sito, «di una realtà moderna completamente aperta alla creatività dei giovani». L’obiettivo di questa nuova televisione sarà quello di mettere in contatto le comunità italo-americane presenti all’interno e all’esterno degli Stati Uniti e di creare un ponte tra Italia e USA attraverso il mezzo televisivo.

“Si Italia TV” trasmetterà, quindi, in lingua italiana e potrà contare potenzialmente su un bacino d’utenza di circa il 6% della popolazione statunitense. La programmazione prenderà ufficialmente il via il mese prossimo, ma sono già in onda prove tecniche di trasmissione.

prima tv italo-americana
Alfonso Perugini, direttore editoriale di “Si Italia TV”, prima tv italo-americana

Perugini, che attualmente vive e lavora a New York, ha affermato che l’emittente darà spazio alle attività di imprenditori italiani ed italo-americani attraverso talk show, documentari ed interviste. Saranno, inoltre, seguiti tutti gli eventi statunitensi legati alla cultura italiana quali, ad esempio, il Columbus Day o il Festival della Canzone Italiana di New York.

L’Italia sarà, poi, raccontata mediante diverse tipologie di opere audiovisive, fornite da case di produzione italiane ed americane con cui la televisione sta stringendo accordi. Il telegiornale, invece, coprirà i territori degli stati di New York, New Jersey e Connecticut.

Il progetto mira all’avvio di collaborazioni con altri media italo-americani allo scopo di creare una rete ben organizzata per allargarsi, successivamente, dal web alle trasmissioni via cavo e via satellite. In tal senso, sono già stati individuati sponsor e partner come, ad esempio, “America Oggi”, quotidiano italiano pubblicato negli Stati Uniti.

La nuova tv italo-americana affiancherà, dunque, tutte quelle emittenti che si rivolgono alle diverse comunità culturali presenti sul multietnico territorio americano. Basti pensare alle stazioni che trasmettono in lingua spagnola, francese o cinese.