Un’attesa interminabile, quella di Piazza Castello

0
Piazza Castello

Lentamente si procede verso l’ennesima assegnazione dei lavori ad una ditta che si occuperà d’impermeabilizzare il sottosuolo delle discariche di Piazza Castello, zona di Avellino, protagonista di incessanti interventi

Nell’agosto del 2012 l’area di Piazza Castello è stata messa sotto sequestro dagli inquirenti del capoluogo di Avellino a causa di strumenti, utilizzati per il livellamento superficiale della strada, contenenti amianto. Dopo due anni di totale abbandono e disinteresse – susseguiti da lamentele da parte di lavoratori e cittadini esausti di assistere all’impoverimento di una delle zone centrali e storiche della cittadina -, un nuovo sequestro è stato emesso nel dicembre del 2014.
Furono trovati – infatti – rifiuti, tracce di piombo e arsenico che padroneggiavano la zona, minacciando le falde acquifere. Fiacche e svogliate le opere di pulizia e impermeabilizzazione della superficie del cantiere, che sono terminate il 13 agosto scorso.

Piazza Castello
Piazza Castello

Agli sgoccioli di settembre 2015, Piazza Castello, deve attendere ancora un mese, a partire da oggi, per ricevere interventi di messa in sicurezza ambientale permanente e impermeabilizzare il sottosuolo delle discariche.
Tra un mese, infatti, verrà redatto il bando per l’assegnazione dei lavori ad una ditta che si occuperà dell’opera di Capping.
Non resta che attendere cambiamenti concreti e sperare non invano che Piazza Castello rinasca, sicura pulita e imponente, dalle sue stesse macerie.