Varese-Avellino rinviata a domani per danni allo stadio



65

Lo stadio “Franco Ossola” di Varese è stato danneggiato nella notte da vandali e per questo motivo è stata spostata a domani la partita contro l’Avellino

Si doveva giocare oggi alle 15:00 Varese-Avellino nella 36^ giornata del Campionato di Serie B, ma alle 14:50 è arrivata l’ufficialità del rinvio a domani (domenica 19) alle ore 15:00. Nella notte dei vandali sono entrati dello stadio Ossola di Varese distruggendo il manto erboso, tagliando i pali delle porte e distruggendo la panchina della squadra di casa. Infatti, la tifoseria da tempo sta criticando una società ed una squadra che è in ultima posizione del campionato con 28 punti. Un segnale alla società del Varese e anche un disagio all’A.S. Avellino 1912 per i suoi tifosi venuti dall’Irpinia per seguire il match della 36^ giornata. «Stiamo cercando di

Andrea Abodi presidente Lega Serie B
Andrea Abodi presidente Lega Serie B

capire come risolvere il problema, noi il tentativo lo faremo, poi su quanto avvenuto avremo molte cose da dire» afferma il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi che nel tardo pomeriggio di oggi ha affermato anche che: «D’ora in poi la Lega di serie B sarà parte civile in ogni procedimento contro i responsabili di atti che nuocciano agli interessi dei 22 club».

Ed è arrivato anche il commento del presidente dell’Avellino Walter Taccone, molto amareggiato: «Sono estremamente dispiaciuto per quanto successo quest’oggi. Il Varese non merita di finire sulle pagine dei giornali per colpa di qualche facinoroso. Quanto si contesta la squadra o la società si fa in un altro modo non devastando un bene pubblico. Sono addolorato per loro e gli sono vicino. Il discorso diventa difficile per me, perché ho già parlato con i tifosi che hanno macinato diversi chilometri e non sanno se potranno assistere o meno al match. E questo è qualcosa di veramente difficile da sopportare. Io vorrei che le istituzioni facessero disputare la sfida a porte aperte. Non c’è nulla da temere, i tifosi delle loro squadre sono in ottimi rapporti».

Pochi minuti fa il Gos, Gruppo Operativo per la Sicurezza, ha deciso di far disputare la gara di domani a porte aperte dopo la riunione delle 16 per decidere se aprire o meno le porte ai sostenitori delle due squadre.

Leggi anche