“Strade e borghi dei vini dell’Irpinia”: nasce la guida enoturistica a figurine

0
guida enoturistica

È stata pubblicata “Strade e borghi dei vini dell’Irpinia”, la prima guida enoturistica a “figurine” in Campania. Un lavoro editoriale che conduce alla scoperta di tre prodotti enologici d’eccellenza del nostro territorio: Fiano di Avellino, Greco di Tufo e Taurasi

Irpinia: luogo dell’anima impreziosito da prodotti di eccellenza e capace di ispirare iniziative di marketing territoriale non sperimentate ancora da nessuno. Il bello della scommessa, ma anche la certezza di puntare su un territorio ricco di potenzialità che non delude mai. Nasce così Strade e borghi dei vini dell’Irpinia, la prima guida enoturistica a figurine.

Si tratta di un lavoro editoriale ideato dall’antropologo e fotografo Luigi D’Aponte, e realizzato grazie alla sinergia tra professionisti e realtà operanti nel campo della comunicazione, della valorizzazione e della promozione del patrimonio culturale materiale e immateriale.

La guida conduce il lettore lungo un percorso ideale di circa 200 cguida enoturisticahilometri che vanno a toccare oltre venti borghi e luoghi d’interesse storico-culturale e paesaggistico. Sono tre gli itinerari proposti che intendono svelare la superba bontà dei nostri vini più rappresentativi e maggiormente apprezzati nel mondo: il Fiano di Avellino, il Greco di Tufo e il Taurasi, tutti e tre certificati e garantiti dal marchio DOCG.

L’obiettivo principale è quello di recuperare la loro territorialità: quando si parla di prodotti tipici, troppo spesso si tende ad esaltarne solo le caratteristiche organolettiche dimenticandosi innanzitutto che essi sono espressione e frutto delle specificità degli ambienti geografici, dei contesti culturali e delle condizioni storiche proprie dei luoghi e dei territori nei quali nascono, maturano e diventano le eccellenze che tutti ci invidiano.

La guida ha una caratteristica che la rende unica nel suo genere: è stata pensata come un vero e proprio album sulla falsa riga degli album didattici ed enciclopedici a figurine che si diffusero in Italia dal secondo dopoguerra fino ai primi anni Ottanta. L’intento è quello di appassionare il lettore e attirare la sua curiosità sulle piccole vignette paesaggistiche che corredano ogni pagina. L’approccio al testo è leggero e divertente affinché l’aspirante enoturista apprezzi il territorio irpino e le sue tipicitàcon occhi da bambini“.

Buon viaggio allora e buon divertimento dentro i Borghi e lungo le Strade dei Grandi Vini dell’Irpinia.