sabato - 17 Aprile 2021

Vaccino, oggi somministrate 3.490 dosi in Irpinia

Nella giornata di oggi 16 aprile 2021 sono state somministrate presso i Centri Vaccinali anti-covid dell’Asl di Avellino tot. 3.490 dosi di vaccino così...
More

    “Visioni”, ad Avellino torna la rassegna dedicata al cinema d’autore

    Ultime Notizie

    Dal 7 marzo al 18 aprile, al Cinema Partenio di Avellino, torna “Visioni”, rassegna dedicata al cinema d’autore. Si comincia con “Riccardo va all’inferno” di Roberta Torre

    Il cinema d’autore torna protagonista ad Avellino con la rassegna “Visioni“, giunta alla sua XXIX edizione.

    - Advertisement -

    Sette i film che saranno proiettati al Cinema Partenio, dal 7 marzo al 18 aprile. Appuntamento ogni mercoledì con proiezioni alle 15:30, 17:30, 19:30 e 21:30.

    Ad aprire la rassegna, a cura del CentroDonna e realizzata in collaborazione con “Quaderni di CinemaSud“, “Riccardo va all’inferno” (2017) di Roberta Torre. Si tratta di una rivisitazione del “Riccardo III” di Shakespeare, trasformato in un musical dark con protagonista Massimo Ranieri.

    Si prosegue il 14 marzo con il pluripremiato (4 Golden Globes e 5 BAFTA) “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” (2017) di Martin McDonagh, storia di una madre alla ricerca dell’assassino della figlia.

    Visioni 2018
    Immagine da “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”

    Il 21 marzo è la volta di “The Party” (2017) di Sally Potter, cinica e arguta commedia incentrata sui segreti e sulle rivelazioni di un gruppo di persone, che si ritrovano in un appartamento per una festa.

    Quarto appuntamento il 28 marzo con “Una donna fantastica” (2017) di Sebastian Lelio, opera ambientata a Santiago del Cile, che racconta le vicende di una donna transgender in lotta con una società che non l’accetta.

    Il 4 aprile si continua con “Le cose che verranno” (2016) di Mia Hansen-Løve, storia di un’insegnante di filosofia che si trova a dover reinventare la sua vita, affrontando diversi eventi negativi.

    Penultimo appuntamento l’11 aprile con “My Generation” (2017) di David Batty, racconto in tre capitoli della swinging London degli anni Sessanta.

    A chiudere la rassegna, il 18 aprile, “The Florida Project” (2017) di Sean Baker, storia di disagio e disperazione presentata attraverso l’inedito punto di vista di un gruppo di bambini di sei anni.

    Latest Posts