Dopo essere uscito come singolo digitale la settimana scorsa su tutti gli store digitali; Tutta Bianca, brano del cantautore irpino Zerella ha pure un video ufficiale

In nuovo video clip di Zerella è stato girato da Roberto Gaita, regista avellinese, laureato in filosofia, già noto per il suo impegno all’interno dell’associazione cinefila “Zia LidiaSocial Club” che spiega l’intento della sua opera, che ruota attorno ad una massima di Sigmund Freud.

“Il videoclip di Tutta Bianca è un video basico, concettuale: vuole comunicare che da un circolo di azioni che sembra inarrestabile può fiorire una diversa direzione. La ripetitività inquadrata di sghimbescio e la compulsione maniacale che ne deriva  divengono anonime azioni appartenenti quindi a chiunque.

Lo stretto contatto con svariati elettrodomestici e oggetti di vario tipo aderiscono perfettamente ad un modello di coazione a ripetere sfociato poi nell’utilizzo della lavatrice “nuova”, elemento cardine del testo e quindi anche nel video.

La lavatrice si fa metafora di quell’istinto di iterazione che sul lungo periodo collettivo non ha voluto farsi da parte per lasciare il tempo a elementi esterni alla propria serialità. La protagonista del video diviene legata indissolubilmente alla propria quotidianità e reiterazione di gesti tecnici da non avere più il tempo per sciupare la propria lavatrice nuova nella propria casa nuova.

Ancora, la lavatrice è, per il suo movimento, la sintesi stessa della circolarità. La lavatrice si fa metafora di un eterno ritorno che non consente altri vettori. Eppure un’altra pulsione può essere re-introdotta nel corso storico e nel quotidiano della protagonista e contrastare la lavatrice come triplice metafora: si tratta del principio di piacere.

Nel video qualcuno, chissà dove, si sta adoperando per la re-immissione di tale principio. Mentre questo qualcuno innaffia e prima che i fiori si materializzino in modo surreale nel terzo dei tre lotti di azioni illustrati, vengono disseminati due loro indizi: il primo viene nascosto nel primo lotto di azioni (una borsa a fiori) e il secondo nel secondo lotto (una casacca a fiori). Data l’ambientazione domestica del video, si è scelto di utilizzare come strumento di ripresa un attrezzo casalingo: un cellulare, sempre tenuto a mano senza eseguire interventi sulla fotografia in post-produzione”.

Link ➡️ https://youtu.be/NLaPtq3KZ80

CREDITS

Regia e Sceneggiatura: Roberto Gaita

Soggetto: Roberto Gaita, Ciro Zerella

Montaggio: Sergio della Sala

Con Annalisa Fortunato e Ciro Zerella

Label: Silko Records